Il "grazie" a Morini e Sassi che vanno in pensione - Comune di Traversetolo

archivio notizie - Comune di Traversetolo

Il "grazie" a Morini e Sassi che vanno in pensione

Il "grazie" a Morini e Sassi che vanno in pensione

 
Il 'grazie' a Morini e Sassi che vanno in pensione

Due insegnanti "doc" per esperienza, professionalità, sensibilità, amore per il proprio mestiere. E sempre al passo con i tempi. Per questo l'amministrazione comunale ha voluto salutare con un momento di festa speciale le due docenti Franca Sassi, della scuola dell'infanzia “Micheli” di Vignale, e Mariella Morini, della scuola primaria “D'Annunzio”, alla presenza del sindaco Simone Dall’Orto, dell’assessore alla scuola Elisabetta Manconi, della responsabile del settore Scuola Simona Morini e delle funzionarie Ilaria Bolondi e Lorena Gatti. Morini e Sassi, infatti, dopo trent'anni di insegnamento, hanno concluso quest’anno la loro esperienza lavorativa.

 

Un periodo di tempo talmente lungo che ha permesso a Franca Sassi di seguire tutti i cambiamenti della “sua” scuola dell'infanzia, dove è arrivata l’anno dopo l’apertura: ha visto l'aumento del numero delle sezioni, da una a quattro, e persino i mutamenti architettonici della struttura. L'aspetto di questi trent’anni a cui è più legata? “Sicuramente la relazione con i bambini e le bambine, un rapporto in cui è difficile stabilire chi più dà e chi più riceve. La gioia più grande è quella di ritrovarli nel percorso della vita, per le vie del paese, magari a loro volta diventati genitori, ed essere riconosciuta. E anche la collaborazione con l'istituzione comunale è stata importante, perché sicuramente più la scuola riesce a essere integrata nel territorio, a fare rete, e più assolve al meglio il suo compito”.

 

Mariella Morini è stata per 31 anni docente di matematica e scienze, e per un paio d'anni anche vicepreside, alla “D'Annunzio”. Ha promosso e curato con particolare passione il processo di informatizzazione della didattica, prima come aggiornamento per gli insegnanti, per i quali è stata anche stata tutor d’aula, poi per gli studenti. "Sono stata fortunata, ho fatto un mestiere che ho amato, che umanamente mi ha gratificato tanto e anche negli ultimi mesi ho ricevuto attestati di stima da ex alunni, genitori colleghi e da ultimo anche dall'amministrazione comunale." Fra le esperienze che ricorda con grande piacere il viaggio di studio con le quinte elementari a Oraison, paese gemellato con Traversetolo. E sull’ultimo periodo dice: “La pandemia è stata un'esperienza forte, che ha cambiato la didattica, ma i bambini e le bambine hanno dato un’ulteriore prova di adattabilità e responsabilità”.

 


Pubblicato il 
Aggiornato il